Bookmaker artbetting.co.uk - Bet365 review by ArtBetting.co.uk

Bookmaker artbetting.gr - Bet365 review by ArtBetting.gr

Germany bookmaker bet365 review by ArtBetting.de

Premium bigtheme.net by bigtheme.org

LEA GAROFALO: la sorella MARISA ai microfoni di Luigi Mussari

Luigi Mussari 25 novembre 2014 1
LEA GAROFALO: la sorella MARISA ai microfoni di Luigi Mussari

Anche per questo il 25 novembre si celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che sarà celebrata in tutta Italia  con numerosi eventi e iniziative.

Sono 179 le donne uccise dagli uomini in Italia nel 2013, senza contare le violenze fisiche e sessuali.

Un anno nero, con la più elevata percentuale di donne tra le vittime di omicidio mai registrata in Italia, in pratica una ogni due giorni.

Rispetto alle 157 del 2012, le donne ammazzate lo scorso anno sono aumentate del 14%.

I dati sono contenuti nel secondo rapporto Eures sul femminicidio in Italia.

Aumentano i casi avvenuti in ambito familiare, che passano da 105 a 122, così come pure nei contesti di prossimità, rapporti di vicinato, amicizia o lavoro, da 14 a 22.

Rientrano nel computo anche le donne uccise dalla criminalità, 28 lo scorso anno: in particolare si tratta di omicidi a seguito di rapina, dei quali sono vittima soprattutto donne anziane.

In 7 casi su 10  i femminicidi si sono consumati all’interno del contesto familiare, una costante nell’interno periodo 2000-2013.

La giornata internazionale contro la violenza alle donne e la morte di Lea Garofalo, 5 anni fa sono stati gli argomenti di Saluti & baci di stamane.

Ieri lunedì 24 novembre è stato il giorno del quinto anniversario della morte di Lea Garofalo, ex moglie del boss Carlo Cosco che dopo essere diventata testimone di giustizia fu uccisa dalla ‘ndrangheta, nei dintorni di Monza, in Lombardia, in un agguato organizzato dal suo ex marito.

Lea Garofalo  prima di essere uccisa fu torturata e il suo corpo fu poi bruciato. I resti furono ritrovati soltanto nel 2012.

Per questo omicidio, dopo  un processo tortuoso che si è concluso a marzo 2012, sono state condannate all’ergastolo – con sentenze confermate in appello, nel 2013 – diverse persone, tra cui l’ex marito di Garofalo, identificato come mandante dell’omicidio.

Lea Garofalo,  è riconosciuta e ricordata come un simbolo della lotta contro la criminalità organizzata.

La lunga storia di Lea Garofalo è stata ripresa stamane a Saluti & baci e ne abbiamo parlato con la sorella Marisa che desidero ancora una volta ringraziare per la sua testimonianza.

 

1 Commento »

  1. Luigi Mussari 14 dicembre 2014 at 7:59 -

    Lea Garofalo, un simbolo contro la violenza alle donne e il femminicidio